BYKOLLES , la LMP1 austriaca

bykolles_racing_official_car

Prima dell’inizio delle sessioni di test al Paul Ricard, il team ByKolles Racing si è svelato al pubblico. Gestito e iscritto dal KOAL Racing Engineering, questo team austriaco è pronto a competere nel Campionato del Mondo Endurance della FIA e nella prestigiosa 24 Ore di Le Mans, la categoria sarà la LMP1.

La livrea bianca e gialla è un tributo al principale sostenitore delle attività di ByKolles, la compagnia di sponsorizzazioni sportive YELLOWWINGS. La nuova impresa si apre al mondo delle grandi sponsorizzazioni sportive con una piattaforma digitale unica nel suo genere che offre un accesso senza precedenti.

Se non hai una azienda costruttrice di orologi da polso fra i tuoi sostenitori, oggi, non vai da nessuna parte , così anche ByKolles non ha voluto farsi mancare nulla, Jacques Lemans è il partner ufficiale del team nel settore e verrà supportato anche da sponsor tecnici come Michelin, BBS, OMP, PMC, lineAPP, Pitwalk, AER e Martini Sportswear.

Lo chassis  CLM P1/01 2015 porterà in gara il numero #4 e si contenderà la classe LMP1 con altre dieci vetture.

Punti salienti dell’equipaggio che porterà in gara la vettura sono l’italiano ex Formula 1 Tonio Liuzzi ed il tedesco grande esperto delle corse endurance Pierre Kaffer. Entrambi sono piloti affermati e rispettati, e saranno chiamati ad affiancare il giovane  ex GP2 Simon Trummer quando saranno liberi da precedenti impegni. Simon al momento è l’unico pilota designato per la iconica 24 Ore di Le Mans.

Anche se nome e livrea sono nuovi , non deve ingannare che il team si basa sulla solida esperienza costruita in anni di lavoro sul campo da KOAL Racing, fra la formula 1,  il DTM e il WEC.

Boris Bermes è il direttore del Team e dichiara “ La nuova vettura è il frutto di un duro lavoro durato cinque mesi dove ci siamo impegnati in importanti riduzioni del peso della vetture, abbiamo approntato una nuova scatola del cambio, è stata rivista la geometria delle sospensioni, il tutto accoppiato a numerose modifiche aerodinamiche , sono fiducioso e non vedo l’ora che i piloti inizino i test di collaudo.”

Tonio Liuzzi “ Sono molto legato a questo team, siamo consapevoli che il WEC ed in particolare la categoria LMP1 non sono una sfida facile, i ragazzi hanno svolto una mole di lavoro impressionante per migliorare le prestazioni, mi sento orgoglioso di essere stato chiamato ad aiutare il Team per ottenere buoni risultati e dimostrare che anche un team privato può gestire al meglio la categoria. Mi piace la sfida dell’endurance, è come guidare sempre in qualifica e questo è il modo di guidare che sento più mio.”

Pierre Kaffer “ Ho seguito lo sviluppo della vettura per tutto lo scorso anno e posso dire senza ombra di dubbio che abbiamo una buona macchina, sono impressionato dal lavoro svolto. Per me è un grande onore fare parte dell’equipaggio chiamato  a guidare la ByKolles, la LMP è una strada molto ambiziosa ma il team è attrezzato con grande esperienza e speriamo di iniziare al più presto.”

Simon Trummer “ Fin dal primo momento che ho incontrato la squadra, ho capito che mi sarei trovato a casa, ho seguito quanto hanno lavorato duramente per arrivare fin qui, c’è un buon feeling anche sugli intenti, si perde e si vince insieme. Il pacchetto mi sembra buono quindi non vedo l’ora di lavorare per arrivare a scoprire il circuito di Le Mans.”

photo copyright ByKolles

La seconda Oak Racing pronta per Le Mans

20150309100913-dd834230 (1)

Il team OAK Racing conferma la presenza di una seconda vettura alla 24 Ore di Le Mans 2015. Oltre alla numero # 35, un secondo chassis Onroak Automotive è stato affidato ai piloti, Chris Cumming, Kevin Estre e Laurens Vanthoor. Si tratta di una Ligier JS P2 motorizzata Honda e gommata Dunlop, il numero di gara sarà il # 34.

Una doppia sfida congiunta fra i piloti, tutti esordienti in LM P2 sul circuito della Sarthe, ed il team Oak Racing che segnò una doppietta nell’evento del 2013.

Philippe Dumas, team manager,  è oltremodo soddisfatto di annunciare questa sfida “ E’ un challenge audace ma fa parte del nostro DNA, loro sono molto talentuosi ed abbiamo messo insieme due fra le migliori promesse dei piloti GT. Oak Racing ha sempre presentato giovani piloti ambiziosi e intrapreso progetti lungimiranti, anche questa volta sarà così, inizieremo i test verso la metà di maggio e sono fiducioso che sapranno adattarsi velocemente alla nuova vettura.”

20150309100915-2fae764e

Chris Cumming è un pilota canadese di 44 anni, anche se debuttante a Le Mans, ha una vasta esperienza in corse endurance, l’edizione 2015 della Rolex 24 a Daytona è stata la sua quinta volta sullo speedway, negli ultimi anni ha corso prima nella ALMS poi TUDOR USCC “ E’ molto importante debuttare a Le Mans con un team che ha una grande esperienza della pista, conosco la macchina perché ho svolto un test lo scorso anno e non vedo l’ora che si inizi questa nuova avventura.”

Il ventiseienne francese Kevin Estre, è diventato un punto di riferimento della Porsche Cup avendoci corso dal 2008 al 2013 vincendo  il titolo di miglior Rookie oltre  a diversi campionati fra la Francia e la Germania. Dal 2012 ha esteso la propria esperienza a gare di durata come la 24 ore di Daytona e del Nurburgring, quella di Spa o la 12 Ore di Sebring. “ Sarà una fantastica avventura, la 24 ore di Le Mans è una gara mitica, l’opportunità di poterla correre con la Ligier è veramente eccitante, penso che il nostro equipaggio abbia un ottimo mix fra capacità e determinazione, Laurens è un mio avversario per buona parte dell’anno,perché è un pilota ufficiale di una casa concorrente di Porsche, ci prenderemo una pausa correndo insieme a Chris.”

Anche il ventiquattrenne belga Laurens Vanthoor è un pilota professionista, ha affinato le capacità di guida assieme ad Audi quando nel 2012 ha abbandonato la formula tre per la categoria GT “ Dopo il passaggio al professionismo, tre anni fa, mi rimaneva un grande sogno d realizzare, la 24 Ore di Le Mans. Affrontarla assieme a Chris e Kevin è la cosa migliore che potesse capitarmi, non abbiamo esperienza ma, sapremo costruire il nostro percorso insieme. La Ligier Honda è un ottima vettura e il team Oak Racing la migliore palestra per imparare.”

 

Photo copyright  DPPI / Oak Racing

 

Al via la 12 Ore del Mugello

mugello

Fra venerdì e sabato, rispettivamente 13 e 14 marzo, si terrà sul circuito toscano del Mugello, la seconda prova del Campionato 24H Series. Una gara di dodici ore suddivisa in due prove, di cui la prima, di quattro ore, prevista per venerdì con partenza alle 13.30 ora locale. Dopo la nottata passata in regime di parco chiuso , le 73 vetture in lizza, disputeranno le rimanenti otto ore di gara a partire dalle 09.30 .

La entry list prevede un giusto bilanciamento fra vetture Gt e Turismo suddivise fra le numerose classi che compongono questo campionato e includono la presenza di Porsche , Ferrari , BMW, Aston Martin, Lotus e Ginetta, senza dimenticare le più performanti Mercedes Benz AMG.

Il parco concorrenti è quantomeno variegato e comprende team che giungeranno fra le colline del Mugello persino dalla lontana Australia, dall’India, dagli Emirati Arabi Uniti e dagli Stati Uniti d’America.

Per il giovedì, il programma mette a disposizione il circuito per lo svolgimento di test privati fra i team che ne faranno richiesta, mentre il pubblico avrà libero accesso dal venerdì mattina quando la bandiera verde alle ore 9.15, darà il via alle sessioni di prove libere. Il biglietto per il sabato avrà il costo di 10,00 euro ed è disponibile sul circuito ticketone oppure ai cancelli del circuito.

photo 24H Series

La Chaparral 2 a Sebring dopo 50 anni

03052015_JimHall_StoryImage

Grandi emozioni alla 63° edizione della 12 ore di Sebring.  Nel cinquantesimo anniversario della vittoria, i fans a bordo pista potranno godere dello strepitoso rombo  che fuoriesce dalle cornette allungate del motore Chevrolet che equipaggia la Chaparral 2 vincitrice con Jim Hall e Hap Sharp della edizione 1965. Due giri due, da brividi nella schiena.

Si era nel pieno della lotta fra i colossi Ford e Ferrari, dopo la vittoria di Daytona della Gt 40, la tensione era palpabile, i prototipi Ferrari erano in cerca di riscossa, l’attenzione della stampa sportiva mondiale era focalizzata sulle corse sport.

Come nelle favole, un brutto anatroccolo si trasforma in cigno, ed il prototipo motorizzato Chevy del texano Jim Hall, segna quattro giri da leggenda e vince indisturbato  quella edizione della 12 Ore di Sebring.

Jim inizia bene fin dalle prove segnando il miglior giro alla velocità di 105.41 miglia all’ora, si ripete in gara correndo a 104.41 mph, forti temporali nel corso della gara impediscono di migliorare i tempi, ma anche agli avversari di sopravanzare e l’edizione 65 si chiude con una vittoria completamente a stelle e striscie.

The Star Spangled Banner suona forte quella notte a Sebring.

Jim Hall II, figlio della leggenda texana, guiderà la tipo 2 il venerdì prima della gara del Continental Tire SportsCar Challenge e di nuovo il sabato prima della corsa. La vettura rimarrà esposta nella Gallery of Legends per tutta la settimana.

“ Guidare la Chaparral 2 a Sebring sarà un vero onore, questa è stata la loro vettura di maggior successo, Hap vinse il campionato USRRC nel 1964 e papà  replicò nel 1965. Fu una vettura molto innovativa, aveva la scocca in fibra di vetro, un particolare convertitore di coppia nella trasmissione che permetteva di cambiare marcia senza usare la frizione. Negli anni successivi arrivò anche una particolare ala controllata da un sistema inusuale, i piloti Chaparral usavano un pedale con il piede sinistro.”

“ Riportare quella macchina a Sebring dopo cinquant’anni sarà molto speciale, fu una gara incredibile e vincere davanti ai colossi come Ford e Ferrari portò tanto entusiasmo nella squadra. Papà aveva preparato la corsa con molta attenzione, pensa che si portò anche un metereologo per sapere con precisione quando la pioggia sarebbe caduta con violenza. Corsero flat out per molto tempo e quando la pioggia cadde, avevano sette giri di vantaggio, così ebbero l’opportunità di fermarsi un po’, c’era molta acqua dentro l’abitacolo e letteralmente ci erano seduti nel mezzo. Si considerarono molto fortunati per aver terminato quella gara. Ho condiviso questa vettura con tante persone, da Lord March a Goodwood a Gil De Ferran al Monterey Historics, ma è la prima volta che la riporto a Sebring. Ero qui quando papà, nel 1985, la guidò sul circuito, fu molto emozionante per tutti.”

Le sette Chaparrals  rimanenti, sono esposte in maniera permanente al Permian Basin Petroleum Museum di Midland , Texas.

la entry list ufficiale della 12 Ore di Sebring

La prossima 63° edizione della Mobil 1 Twelve Hours of Sebring si terrà sabato 21 marzo 2015, la bandiera verde è prevista per le ore 10.30 locali. Il circuito sarà a disposizione degli appassionati da mercoledì 18 marzo , aperto 24 ore su 24.

E’ stata diffusa la entry list ufficiale, la leggete qui

Nissan chiude i ranghi per il FIA WEC 2015

chilton

Un altro tassello è stato svelato da Nissan Motorsport nella composizione degli equipaggi che parteciperanno al Campionato del Mondo Endurance, l’ex pilota di formula 1 Max Chilton e Alex Buncombe si aggregano alla compagnia.

Max Chilton proviene da due anni di formula uno, è stato inserito nel programma Nissan perché ha dimostrato in questo periodo la migliore caratteristica che oggi viene richiesta nei prototipi, la guida “ fast and mistake-free “, e per un rookie non è cosa da poco.

“ Essere inserito in un programma così prestigioso come quello di un grande costruttore, mi riempie di orgoglio, Le Mans ha da sempre un enorme seguito di pubblico, correre lì è come un sogno che si avvera. Ho sempre cercato di correre dove il livello tecnologico fosse portato all’estremo, quindi ho sempre pensato alla formula uno, ma dopo i primi contatti con Nissan e dopo aver visto dal vivo la nuova vettura e la cura nei dettagli che il team pone come base del lavoro, non ho più dubbi, non vedo l’ora di scendere in pista con la nuova  GTR NISMO LM.”

Alex Buncombe è diventato una star di You Tube quando  lo scorso anno, un suo filmato, mostrava il sorpasso di 18 vetture nel primo giro di una gara Gt, ebbene, ha ottenuto più di mezzo milione di visualizzazioni. Sicuramente meno noto, il suo lavoro come mentore di tutti i vincitori della Nissan GT Academy , da quando il programma nacque nel 2008.

“ Da quando ho ricevuto la chiamata per la GT-R LM NISMO, ho un sorriso idiota stampato sulla faccia, ancora non riesco a rendermene conto. E’ soddisfacente essere il mentore di altri piloti, soprattutto quando vedi che mettono a frutto i tuoi insegnamenti, ma rimane una soddisfazione monca. Ora ho l’opportunità di correre in prima squadra, non vedo l’ora di iniziare, conosco abbastanza bene la vetture, ma come per tutte le auto nuove serve lavoro di sviluppo e messa a punto. Sarà molto eccitante migliorare una automobile dal design così radicale.”

Al momento Max Chilton si unisce a Marc Genè, Michael Krumm, Olivier  Pla, Jann Mardenborough e Harry Tincknell, la configurazione degli equipaggi suddivisi fra # 22 e # 23 verrà comunicata in seguito.

Darren Cox , Global Head Brand, Marketing & Sales di NISMO ha dichiarato “ Siamo orgogliosi di avere con noi sia Max che Alex. Sono giunti a noi da percorsi differenti, Alex ha guidato ogni vettura che Nissan ha proposto nelle competizioni fin dai tempi della 350Z GT4 e la cosa è un po’ come un lungo viaggio percorso assieme, Max è molto conosciuto per le sue imprese in formula uno, pochi ricordano che ha debuttato in LM P1 già all’età di sedici anni, oggi pensiamo di avere una line-up di piloti con una buona esperienza in ognuna delle categorie che competono nel mondiale , siamo molto soddisfatti.”

Buncombe farà parte dell’equipaggio della vettura # 21, quella destinata alla sola 24 Ore di Le Mans, i suoi compagni di abitacolo sono Tsugio Matsuda e Lucas Ordonez.

Photo NIssan NISMO

Test collettivi FIA WEC al Paul Ricard

ArtworkCasteletWECA4100215DEF_SM

Per le vetture iscritte al nuovo Campionato del Mondo Endurance della FIA sono previsti due giorni di prove intense il 27 e il 28 marzo prossimi sul circuito Paul Ricard nel sud della Francia.

Il Prologo sarà la prima occasione per i team competitors di confrontarsi  fianco a fianco sulla medesima pista e sarà quindi la prima opportunità per il pubblico di vedere lo schieramento 2015 in attesa della prima prova in programma sul circuito inglese di Silverstone il 12 Aprile .

Nella giornata di sabato 28 marzo i cancelli del circuito saranno aperti al pubblico per un primo contatto con i piloti durante la sessione autografi, non è richiesta nessuna registrazione e l’ingresso è libero.

copyright immagine FIA