Si sono conclusi i test sullo Speedway di Daytona in preparazione della prima gara il 26 gennaio prossimo, la Porsche li ha affrontati con due vetture, la 911 era ingaggiata  da Makowiecki, Tandy e Pilet, gli stessi piloti che lo scorso anno vinsero la dodici ore di Sebring e la Petit Le Mans; la 912 era ingaggiata da Jaminet e Bamber, assente giustificato Vanthoor, neo papà. Per la Rolex Daytona 24 sarà di nuovo nel suo ufficio di lavoro con 510 cv da tenere in pista.

Per la categoria GTD, esordiva la nuova Porsche 911 GT3 R, affidata ai team privati Park Place Motorsport, Pfaff Motorsport, NGT Motorsport e Black Swan Racing. Le vetture , completamente identiche, hanno coperto durante la tre giorni di prove , un totale di 484 km.

Matteo Cairoli, driver della GT3 R #540 ha dichiarato : ” C’erano tante cose che dovevamo scoprire ad iniziare dalle gomme e dalla pista, abbiamo lavorato con il metodo che ci eravamo prefissi nel programma e i risultati sono stati soddisfacenti, useremo queste informazioni per iniziare il vero lavoro di set sulla vettura nei test pre gara a fine mese. Se a Daytona serve avere una macchina prevedibile nelle reazioni e facile da gestire siamo sulla strada giusta.

Anche Frederic Makowiecki , sulla vettura 911 RSR #911 è ovviamente contento nelle dichiarazioni del lavoro svolto “ Trovare il giusto compromesso fra carico aerodinamico e velocità di punta non è facile qui a Daytona, appena riduci il carico la macchina si scompone nelle frenate violente, confidiamo di aver settato nel modo giusto. Su quasto tracciato le nostre 911 si sono sempre comportate bene.

Photo copyright  Porsche Motorsport