Articoli

Prima vittoria per la 488 GT3

2016 - IMSA - 12 Hours of Sebring

Fin dalla sua fondazione nel 2013 da parte di Giacomo Mattioli e Art Zafiropoulo, il team ha sviluppato una naturale attitudine ai podi importanti, così hanno infilato la vittoria di classe GT alla Rolex 24 del campionato Grand Am nel 2013, quella della classe GTD IMSA sempre a Daytona, ma nel 2015, così come un bel podio a Le Mans sempre nello scorso anno.

Per mantenere viva la tradizione, che per una piccola struttura rappresenta l’acqua nel deserto, Christina Nielsen, Jeff Segal e Alessandro Balzan, l’hanno combinata grossa, molto grossa, a sessantanni dalla prima vittoria di una Ferrari GT in quel di Sebring, hanno portato al primo posto la nuova berlinetta di Maranello, la 488 GT3.

2016 sebring sessioni aut 082

La Ferrari # 68 della Scuderia Corsa alla Twelve Hours ha segnato la corsa perfetta, pole position , giro veloce e vittoria di classe GTD. Well done. Tutto si è concretizzato nelle fasi finali di gara, Alessandro Balzan, scatenando la potenzialità della nuova berlinetta turbocompressa riuscendo a prendere la testa della corsa, dopo un ultimo riavvio e vincere la gara.

Balzan ha ripetuto le gesta del connazionale Castellotti, che nel 1956, coadiuvato da Juan Manuel Fangio, ha condotto alla vittoria una Ferrari 860 Monza, la prima per una vettura di Maranello sul circuito della Florida Centrale.

“ Sono davvero felice “ dice Alessandro a fine gara “ vincere con questi ragazzi mi da una gioia particolare, con loro avevo vinto in Grand-Am. Abbiamo regalato alla Ferrari la prima vittoria per la 488, è incredibile, in più vincere la mia prima gara endurance a Sebring, è veramente speciale. Qui siamo nella storia, prima di me Fangio e Castellotti, non riesco ancora a crederci.”

2016 sebring race 1 314

Un altro record segnato da questa vittoria è a titolo della signorina Nielsen, è diventata la prima vincitrice donna di classe GTD, nella storia del circuito, a Lei è toccato il periodo bagnato della corsa. “ Non mi piace pensare ai risultati che abbiamo ottenuto prima”, ha detto Nielsen.  “Si parte da zero, e questo è quello che abbiamo fatto qui. Abbiamo avuto i nostri problemi, ad un certo punto pensavamo anche di non farcela, eravamo effettivamente preoccupati Ma tutti hanno continuato a combattere e continuato a spingere, ed è quello che ha portato alla nostra vittoria.  E ‘stato un lavoro di squadra. Non ringrazierò mai abbastanza i ragazzi del team per questo. Sono molto felice di aver condiviso questa vittoria con mio padre, fa parte di me, era qui e sono molto contenta che fosse con me.”

“Che sensazione fantastica vincere Sebring”, ha detto Mattioli. “I nostri piloti hanno fatto un ottimo lavoro in condizioni molto difficili, abbiamo avuto alcuni problemi meccanici, ma i nostri ragazzi sono stati in grado di farci andare avanti e risolverlo. Essere la squadra che porta la prima vittoria alla 488 GT3 è molto speciale. ”

 

Photo  IMSA  / stefanoiori

 

Olivier Pla e Ligier dominano i test di Sebring

24-25 February, 2016, Sebring, Florida USA 60, Honda HPD, Ligier JS P2, P, John Pew, Oswaldo Negri, Jr., AJ Allmendinger, Olivier Pla ©2016, Richard Dole LAT Photo USA

24-25 February, 2016, Sebring, Florida USA
60, Honda HPD, Ligier JS P2, P, John Pew, Oswaldo Negri, Jr., AJ Allmendinger, Olivier Pla
©2016, Richard Dole
LAT Photo USA

Sono terminati i test di preparazione alla prossima gara del Campionato americano IMSA  WeatherTech SportsCar, la Dodici Ore di Sebring, Powered by Fresh From Florida. Dopo le prime impressioni avute dai piloti, stimiamo che le condizioni della pista sono sensibilmente differenti rispetto allo scorso anno, di conseguenza tutte le informazioni storiche sul set-up delle vetture diventano obsolete.

In pole, al termine della due giorni si è presentato il francese Olivier Pla, per il quale, il cambio di casacca dal Krohn Racing al Michael Shank with Curb- Agajanian, ha significato un ritrovato spirito per la competizione e grande serenità interiore. Il driver al volante della Ligier JS P2/ Honda numero # 60 Tire Kingdom ha piazzato un tempo di 1:51. 546 che significa una media di 120.704 miglia orarie.

“ Ci spiace di non poter utilizzare informazioni dalla corsa dello scorso anno, la pista sembra notevolmente differente quindi dobbiamo lavorare duro per interpretare i nuovi valori di set-up, mancano ormai  tre settimane alla corsa e siamo sulla strada giusta, ieri la vettura era un po’ difficile da guidare ma abbiamo lavorato nella giusta direzione.”

Nicolas Lapierre sulla Oreca 05/Nissan del team  Dragon Speed si è assicurato la seconda posizione di classifica, precedendo tre prototipi Corvette, in sequenza la numero # 90 Visit Florida con alla guid Ryan Dalziel, la numero #5 di Action Express con Filipe Albuquerque e la numero #10 del Wayne Taylor Racing di Ricky Taylor.

La categoria Prototipi Challenge, PC per la lista, ha visto la supremazia del team Core Autosport , che per il secondo giorno consecutivo, hanno piazzato la loro Oreca 09 numero # 54 Flex-Box davanti alla vettura vincitrice della recente Rolex 24 di Daytona, la numero #85 del JDC-Miller Motorsport.

24-25 February, 2016, Sebring, Florida USA 25, BMW, F13 M6, GTLM, Bill Auberlen, Dirk Werner, Augusto Farfus, Bruno Spengler ©2016, Richard Dole LAT Photo USA

24-25 February, 2016, Sebring, Florida USA
25, BMW, F13 M6, GTLM, Bill Auberlen, Dirk Werner, Augusto Farfus, Bruno Spengler
©2016, Richard Dole
LAT Photo USA

Entrambe le classi delle vetture GT hanno segnato le migliori prestazioni durante la giornata di venerdì, per le più prestazionali GTLM, il miglior tempo spetta alla BMW M6 ufficiale numero # 25 con alla guida Dick Werner, mentre Alex Balzan con la 488 numero #63 del Team Scuderia Ferrari Corsa ha primeggiato nella classe GTD.

bb42f549-30f5-4289-b904-6e5775ef8a47

 

La Ferrari numero # 62 del RISI Competizione ha potuto godere per la prima volta quest’anno di una vera sessione di test, utilizzandola al meglio per affiatarsi  con la nuova  488 GT3, oltre 200 giri sono stati compiuti dal piloti Toni Vilander e Davide Rigon, quest’ultimo al suo esordio a Sebring “ Mi avevano avvisato delle sconnessioni del tracciato, ma non mi sarei mai aspettato una situazione del genere, sia all’ingresso che in uscita dal rettilineo principale , i dossi sono veramente fastidiosi, per fortuna il mio ingegnere mi ha lasciato apprendere il circuito senza fretta, avevo molto da imparare. Non c’era stato il tempo, prima di Daytona, per un buon test, ora questa due giorni, assieme a Toni è stata una bella esperienza, anche se il nostro BoP non ci rende merito e speriamo che venga corretto per la gara, sono stati due giorni spesi al meglio. Al momento manca solo un po’di velocità di punta, con Rick abbiamo raggiunto un buon balance del set-up. Siamo fiduciosi per la gara.”

photo IMSA / RISI Competizione

41 vetture per la 12 ore di Sebring

DSC_0176

A trenta giorni dall’apertura dei cancelli dell’International Sebring Raceway per la gara di dodici ore, ad una settimana dai test collettivi sul medesimo tracciato, IMSA annuncia l’elenco dei 41 equipaggi iscritti al campionato 2016 WeatherTech Sports Car. Ed Bennet, CEO di IMSA, ha voluto aggiungere qualche parola all’elenco impersonale dei partecipanti “ Siamo orgogliosi di offrire un parco partenti degno delle grandi classiche mondiali dell’endurance, alcuni fra i più ammirati e celebrati marchi dell’automobilismo ci accompagneranno per tutta la stagione, riteniamo che questo successo di partecipanti, sia la miglior risposta al nostro impegno in qualità di promoter, abbiamo offerto continuità per l’IMSA e i nostri partner hanno apprezzato il nostro sforzo. Sono grato a tutti, squadre e costruttori, per aver espresso numerosi endorsement verso il nostro Campionato IMSA WeatherTech Sports Car.”

Nell’ultimo anno delle regole vigenti, per la categoria Prototype, è prevista la unione all’interno della  medesima classe P, delle vetture denominate Daytona Prototype  e LMP2, in questa configurazione, otto automobili sono state iscritte all’intera stagione, quattro Corvette DP, un paio di Mazda, una Ligier JS P2/Honda e la DeltaWing.

La stagione 2017 vivrà invece l’introduzione della nuova categoria P, che comprende  Daytona Prototype International, DPI, e le vetture LMP2. Entrambe useranno lo stesso telaio, costruito da uno dei quattro costruttori approvati, Dallara, Onroak Automotive, Riley/Multimatic e Oreca. Le DPI saranno alimentate da una varietà di motori costruiti da vari produttori, mentre per le LMP2 i motori, obbligatoriamente da regolamento saranno dei Gibson Technology.

Cinque diversi produttori si scontreranno nella categoria GTLM, BMW, Chevrolet, Ferrari, Ford e Porsche  hanno iscritto ciascuno due vetture all’intero campionato, in quella che da molti viene considerata la classe più competitiva. Certamente è la classe che promuove maggiormente il trasferimento di immagine verso la gamma commerciale dei costruttori.

La classe GTD è quella che di fatto ha anticipato l’evoluzione dei regolamenti e già dal campionato 2016 ha aperto le porte alle nuove vetture GT3. Sedici in totale le iscrizioni alla stagione completa, ognuno dei sette costruttori coinvolti ha presentato premium entries in pratica , ad ogni evento. Ferrari, Lamborghini, Audi, BMW, Dodge, Lexus e Porsche sono i marchi iscritti. Per Lexus è atteso il debutto entro la fine della stagione e sarà presentata dal team F Performance Racing.

Alla prossima 12 Ore di Sebring, promossa da Fresh from Florida, debutteranno gli aggiornamenti tecnici previsti per le vetuste Oreca FLM09 / Chevrolet, sono  un totale di sette, le vetture di categoria PC,  Prototype Challenge, iscritte alla stagione.

 

IMSA prepara il 2016 a Daytona

imsa_25801823

Finalmente ci siamo, dopo la pausa invernale, stanno per riaccendersi i motori per una prova ufficiale, la ROAR before Rolex 24, nel week end del 8-10 gennaio prossimi, sarà il preludio alla stagione 2016 della IMSA che con il nuovo main sponsor prende il nome di IMSA WeatherTech Sportscar Championship. Weekend libero da trofei, da svolgersi sul circuito di 3.56 miglia adiacente la spiaggia di Daytona, includerà anche una prova notturna prevista per sabato notte.

Saranno in azione anche i concorrenti in lizza per il Continental Sports Car, che prevede l’inizio del Campionato sempre a Daytona nel fine settimana di gara del 29-31 gennaio, così come gli iscritti alle prove del BMW Performance 200.

Equipaggi e team sono al lavoro con le nuove line-up per controbattere lo strapotere dimostrato negli ultimi due anni dalla Mustang Sampling numero #5 del Team Action Express che ha vinto i titoli nel 2014 e nel 2015, giusto quindi lasciare a loro la parola per ascoltare le prime banalità di inizio anno , parla Joao Barbosa che assieme a Christian Fittipaldi ne condivide l’abitacolo nonché i meriti “ Abbiamo avuto grandi risultati con la nostra Corvette, ma siamo sicuri di avere ancora buoni margini di miglioramento per rendere ancora meglio, ogni occasione per scendere in pista è una buona opportunità per lavorare e controllare i progressi che hanno fatto i nostri competitors. Per continuare ad ottenere i risultati dobbiamo lavorare sodo.”

17-18  November,  2015, Daytona Beach, Florida, USA 66, Ford Eco Boost, Ford GT, GTLM, Ryan Briscoe, Joey Hand, Sebastian Bourdais, Richard Westbrook, Dirk Mueller  ©2015, Richard Dole LAT Photo USA

17-18 November, 2015, Daytona Beach, Florida, USA
66, Ford Eco Boost, Ford GT, GTLM, Ryan Briscoe, Joey Hand, Sebastian Bourdais, Richard Westbrook, Dirk Mueller
©2015, Richard Dole
LAT Photo USA

Dopo la due giorni di test aperti, nel mese di novembre,  che videro la nuova Ford Gt sfruttare l’occasione, in questo fine settimana praticamente tutte le nuove vetture in regola con il nuovo regolamento GT Le Mans saranno in pista, dalla nuovissima Ferrari 488 GT3, passando per l’altra emiliana DOC, la Lambo Huracàn GT3, si potrà ammirare la britannica Aston Martin Vantage e le tedesche Audi  R8 LMS, la Porsche  GT3-R e la nuovissima BMW M6.

Fra le vetture del Continental che apriranno le danze , venerdì mattina alle 09.00 ora locale, la più attesa sarà la nuova Porsche Cayman GT4 Clubsport.

Dopo questo ruggito del week end , tutte le vetture di entrambi i campionati si ritroveranno a Daytona mercoledì 27 Gennaio con l’apertura delle ostilità che sarà di pertinenza delle Ferrari del Challenge USA.

photo IMSA