Posts

27 e 28 luglio , giornate test al Nurburgring

11138099_938225442900577_5379535428589027530_n

Se vi trovate nei pressi del circuito tedesco del Nurburgring, oggi e domani, potete approfittare dell’evento. Su iniziativa del Toyota Racing è stata messa a calendario, una due giorni di prove per i Team che partecipano al Campionato del Mondo Endurance 2015.

Una ottima occasione per ammirare il tedioso lavoro di messa a punto, il circuito tedesco è orfano della categoria, il week end di gara alla fine del mese di agosto rappresenta una novità per  tutti i Team che gareggiano nel FIA WEC. Niente di meglio che una leggera sessione di test, in totale saranno presenti 20 vetture suddivise fra le categorie. Lo schieramento dei piloti sarà di eccezionale livello ad iniziare dai campioni in carica , Seb Buemi e Anthony Davidson che divideranno l’abitacolo dell’unica Toyota TS 040 Hybrid in campo con Alex Wurz.

Audi Sport Team Joest preferisce suddividere il lavoro in pista e sull’unica E-Tron Hybrid si alterneranno Lotterer e Tréluyer il primo dei due giorni previsti, Di Grassi e Duval sono incaricati di lavorare durante la seconda sessione.

Il team Bykolles ha annunciato la presenza di una vettura senza specificare i nomi dei piloti incaricati del lavoro in pista.

Porsche Motorsport sponda 919 Hybrid ha convocato Bernhard , Hartley, Dumas e Lieb che lavoreranno su di una sola vettura, sponda Team Manthey categoria LM GTE PRO i soli Christensen e Lietz per due vetture.

AF Corse non poteva mancare e mettere in pista i suoi equipaggi GTE PRO al completo per due vetture presenti mentre Aston Martin Racing ha preparato una sola Vantage V8 e la suddivide fra Nygaard, Thim, Sorensen, Rees e Stanaway.

Due le Ferrari 458 Italia presenti fra quelle iscritte in GTE Am, una iscritta da AF Corse pper Collard, Aguas e  Perrodo, l’altra è quella gestita per conto di SMP Racing del nostro Andrea Bertolini coadiuvato dai compagni di squadra Basov e Shaytar.

Due anche le Porsche 911 RSR che fanno capo al Proton Racing, quella del Dempsey Racing e dell’Abu Dhabi con equipaggi al completo quindi ghiotta occasione per il pubblico femminile per circondare l’attore pilota Patrick Dempsey.

Dalla Lana, Adams e Mathias Lauda completeranno l’organico in prova per la categoria GTE Am con la loro Aston Martin Vantage V8.

Saranno presenti anche sei  vetture per la categoria LM P2 , più precisamente tre Ligier JsP2 , una Morgan Evo Sard , una Oreca 05 e la Gibson 015 S. Fra i piloti scelti anche il recente vincitore della 24 Ore di Le Mans Nick Tandy.

Per incentivare la promozione dell’evento 6 Hours of Nurburgring è stato deciso che per questi due giorni di test l’accesso alle tribune è libero.

 

ADAC-ZURICH 24H Pronti via. I risultati delle qualifiche

24h-1431697786

Dalla BMW Z4 GT3 numero # 26 di Jorg Muller, Augusto Farfus, Dirk Adorf e Nicky Catsburg alla Renault Clio RS numero #144 di Girardo Massimiliano, Abril Nicolas e i due Lamadrid Jr e Sr. tutte le vetture qualificate per la partenza di oggi sull’anello terribile del Nurburgring. Tempi e posizioni di schieramento, qui.

24h-1431697907

Photo 24 H Rennen

 

ADAC-ZURICH 24 H la qualifica Top 30

Motorsports / 24 Stunden Nürburgring 2015, Nürburgring-Nordschleife, GER

Con la classifica della seconda sessione di qualifica, annullata per reclamo, la griglia per la Top 30 era stata determinata, nonostante si erano rese disponibili alcune posizioni per effetto del ritiro di alcuni concorrenti. I rimpiazzi sono stati scelti nel combinato fra i tempi della prima e quelli della seconda sessione.

Al termine della Qualifica del Top 30,  non  può passare inosservato che ci sono quattro BMW Z4 GT3 nelle prime sei posizioni, quella meglio posizionata è la numero # 26 di Augusto Farfus, Jorg Muller, Nicky Catsburg e Dirk Adorf del Team belga Marc VDS.

Bernd Schneider incalza dalla seconda posizione a meno di un secondo, 0.947 il suo tempo con la Mercedes Benz SLS AMG numero # 2 del team Black Falcon. L’Audi che aveva sbeffeggiato tutti in qualifica uno, è scivolata in nona posizione , sopravanzata anche dalla prima Bentley Continental GT3 di Jeroen Bleekemolen.

Nonostante i proclami , solo dodicesima la prima Aston Martin, la Vantage Gt di Pedro Lamy,Stefan Mucke, Darren Turner e Richie Stanaway.

La classifica completa della Top 30 è qui. 

Photo 24 H rennen

Audi domina qualifica uno al Nurburgring

Motorsports / 24 Stunden Nürburgring 2015, Nürburgring-Nordschleife, GER

Tempo variabile per la prima delle sessioni di qualifica per la ADAC-ZURICH 24 al Nurburgring, l’approccio dei team è stato prudente, nonostante la necessità di segnare un buon tempo sul giro, la strategia è risultata molto conservativa senza prendere dei grossi rischi. La temperatura si è surriscaldata grazie ad alcune contestazioni durante la notte.

Grazie all’azione combinata di una pista che tendeva ad asciugarsi e al poco traffico in pista, abbiamo assistito ad un progressivo abbassarsi dei tempi sul giro, alla fine della prima qualifica, la pole provvisoria è stata assegnata all’equipaggio vincitore della scorsa edizione, Christopher Haase, Christian Mamerow, Renè Rast e Markus Winkelhock a bordo della loro Audi R8 LMS hanno segnato il tempo di  8:29,806. A soli 0.0898 secondi , la BMW Z4 GT3 # 25dello Sport Team Trophy Marc VDS di Maxime Martin, Lucas Luhr, Markus Palttala e Richard Westbrooke.

Le due Audi R8 LMS  del team Audi Sport WRT, hanno terminato la qualifica al terzo posto, la numero # 29 ed al quarto, la numero #28, a completare i primi cinque dello schieramento, la Aston Martin Vantage GT3 di Matthias Lauda e Stephan Mucke.

La classifica completa della qualifica uno , la trovate qui .

Photo  24 H Rennen

Da oggi la 24 Ore del Nurburgring

24h-1428911617

Una incredibile esperienza di quattro giorni full throttle sulla mitica Nordschleife per la ADAC  ZURICH 24-HOUR  RACE.  Da oggi  fino a domenica sulla pista raccordata fra il vecchio tracciato e il Gran Prix  Circuit, numerosi piloti, leggete la entry list, qui spariranno , tuffandosi nei boschi intorno al castello di Adenau. Una razza di superlativi, coraggiosi, che per 24 ore si sfideranno sul tracciato fra i più lunghi al mondo.

Come sempre numerose le categorie in lizza che permettono di competere con il più variegato lotto di partenti possibile, oltre 200 le vetture iscritte.

Uno sparuto gruppetto di italiani risultano iscritti alla gara, direi che onore al merito,iniziamo a citare da una ragazza, Michela Cerruti, sarà al via a bordo di una splendida BMW Z4 GT3 in categoria SP9 GT3.  Due Porsche Cup saranno l’ufficio per questi quattro giorni di Rossi Gianvito, SP7 997 Cup e Andreas Cairoli, 911 GT3 Cup MR. Bruno Barbaro si presenta al via con una ToyotaGT86 categoria V3.

Fra i tanti iscritti spicca, per i più curiosi, la presenza in categoria SP-x della vettura SCG 003c, la celeberrima Glickenhaus, vista crescere attraverso i social network più disparati, grazie alla disponibilità del suo creatore, il signor Glickenhaus appunto.  Affidata come sempre , secondo tradizione, ad un professionista di valore, quest’anno la Scuderia Cameron Glickenhaus si affida a Marino Franchitti, il forte pilota inglese sarà affiancato di tedeschi Lauck Manuel e Jahn David e dal pilota francese Mailleux Franck.

Le case tedesche, padrone di casa, come sempre schierano alcuni equipaggi top, presentando i loro migliori pro, alcuni saranno in pista per mantenere l’allenamento, come Marcel Fassler, Bernd Schneider, alcuni per migliorare la preparazione in vista della prossima 24 Ore di Le Mans come Matthias Lauda e Markus Winkelhock.

Si presenta molto agguerrita Aston Martin con una Vantage GT3affidata a Stefan Mucke, Pedro Lamy e Darren Turner.

Il team AUDI Race experience tenta la carta dell’equipaggio esotico schierando quattro piloti asiatici in grande crescita, si tratta  di Alexander Joong Loong, malese, del cinese Franky Cheng e di Marchy Lee e Shaun Thong entrambi residenti a Hong Kong.

Good Luck!

Photo 24H-rennen

Il Campionato Europeo ELMS sulle rive del Santerno

elms-imola-A4-official_83185b

Eccoci finalmente con una gara di ottimo livello sul territorio nazionale, il prossimo week end, 16 e 17maggio 2015,  sul circuito del Santerno a Imola,  si correrà la seconda tappa del Campionato Europeo ELMS. Trenta vetture suddivise in classi fra prototipi e GT lotteranno nella classica formula delle 4 Ore di gara.

Sul circuito intitolato a Enzo e Dino Ferrari oltre ai prototipi di categoria LM P2, 11 vetture, ci sarà l’opportunità di conoscere da vicino anche sei fra i nuovi prototipi della nuova categoria LM P3. Nell’occasione della tappa italiana del Campionato il team Villorba Corse , dopo aver eluso la prima gara a Silverstone, sarà sulla linea di partenza con i piloti Giorgio Sernagiotto e Roberto Lacorte alla guida di una nuova fiammante Ginetta LMP3 motorizzata Nissan.

Come sempre la categoria GTE fa sfoggio di marchi prestigiosi, Ferrari, Porsche, Aston Martin  e BMW saranno allineati alla partenza. Dopo aver dominato il podio delle due ultime edizioni, Ferrari con la Berlinetta 458 schiera ben cinque equipaggi, solo due saranno le Porsche 911 RSR ma fra esse ci sarà la numero #86 Gulf Racing UK Porsche vincitrice della prova inglese e quindi leader della classifica. Non perdete l’occasione di incontrare il Campione Turismo in carica Andy Priaulx sull’unica BMW Z4 in lizza , quella del team BMW MarcVDS # 52. Occhio agli intriganti gadget di questo team che riuscirete a raccogliere partecipando alla sessione autografi prevista nel paddock per il pubblico  presente.

Infine la categoria GTC, cinque vetture per tre costruttori, sembra il titolo di una commedia minore, ma la competizione di questa classe è garantita dalla presenza di qualche pilota Pro, come l’italiano Marco Cioci o il danese Cristian Poulsen decisi a vender cara la pelle in un nugolo di colleghi Gentlemen non meno agguerriti. Fari puntati sul giovane Giorgio Roda sulla Ferrari 458 # 63 di AF Corse.

Come sempre l’Italia è parente povero per quanto riguarda la copertura televisiva dell’avvenimento, a parte lo streaming sul sito ufficiale del campionato , cioè www.europeanlemansseries.com rincorrete, se potete, il segnale di Motors TV.

Non rimane che recarsi al circuito Enzo e Dino Ferrari di Imola e con un semplice biglietto di ingresso usufruire delle tribune incluse nel costo per l’occasione, della sessione autografi, ghiotta occasione per incontrare tutti i piloti ed ottenere un gadget per la vostra collezione di memorabilia.

A Cannes un film documentario su Steve Mc Queen e Le Mans

md_156589

Grandissimo prologo al festival di Cannes che aprirà i battenti mercoledì 13 maggio, gli appassionati di endurance in sala potranno rievocare il mito di Steve McQueen e della 24 Ore di Le Mans attraverso il film documentario “ Steve McQueen l’uomo e Le Mans “ che verrà proiettato al pubblico da sabato 16 maggio.

Sono cosa nota al grande pubblico la passione per le corse e l’ossessione sulla 24 Ore di Le Mans che aveva il grande attore americano, le energie che egli ha dedicato alla produzione del film “ Le Mans ” uscito sul grande schermo nel 1971. Ora da una idea del giornalista Andrew Marriott, sotto la direzione di John Mc Kenna e Gabriel Clarke, questo film che rivela la determinazione che ebbe Steve nella preparazione del suo Le Mans ma anche le incredibili conseguenze finanziarie e personali dopo il termine della pellicola.

In questo film documentario vengono intervistati tanti fra i collaboratori di allora, primo fra tutti il pilota Jonathan Williams, che guido la Porsche 908 appositamente attrezzata con le telecamere a bordo per riprendere le scene più spettacolari durante la corsa.

Fra le testimonianze più toccanti, quella di Neile Adams,  moglie di Steve  e quella di suo figlio Chad che all’epoca della pellicola aveva 10 anni. Molti documenti audio e video sono stati trovati in archivi inediti, alcune immagini a corredo sono state scattate durante la 24 Ore del 2014 e durante la 24 Ore Classic sempre del 2014. L’uscita della pellicola è prevista per il prossimo novembre.

Nico e il debutto di Spa Francorchamps

nico

La sei ore di Spa Francorchamps è stata una gara combattuta, dal primo minuto fino all’ultimo, in ogni categoria. Per il costruttore tedesco Porsche un buon risultato di squadra nella categoria principe, la LMP1 Hybrid, le 919 hanno terminato seconda, terza e sesta in classifica generale. Su quest’ultima , la # 19, ha esordito il pilota tedesco Nico Hulkenberg , pilota di Formula uno prestato ai prototipi.

La vettura ha iniziato la gara con Tandy dalla seconda posizione. Una grave disattenzione al settimo giro, incrocio di traiettorie e malinteso con una delle Porsche 911 RSR ufficiali, risultato, sosta al box per le riparazioni del caso.  Al 32° giro  è il turno di Hulkenberg, prende la vettura al nono posto per un doppio stint. Dopo 80 giri subentra Bamber, per la prima volta sul prototipo, ha rifornito dopo 104 giri e riconsegna a Tandy dopo 128. L’inglese dopo una sosta per rifornimento al 152 giro conclude sesto.

Nico arriva in Belgio con la necessaria serenità, approccia la corsa nella maniera corretta “ Sono assolutamente entusiasta per quello che il fine settimana di Spa mi porterà, conosco il circuito molto bene, ci ho corso parecchie volte ma,naturalmente non ho nessuna esperienza nelle gare di durata, sono veramente curioso di scoprire cosa succederà. Mi avvicino con la mente aperta e voglio fare un buon lavoro per Porsche e per la mia evoluzione di pilota, essendo una pista molto veloce e con lunghi rettilinei dovrebbe  soddisfare le caratteristiche della nostra 919 Hybrid. Penso sarebbe positivo iniziare  questa avventura con la pista asciutta, ma essendo sulle Ardenne, sono pronto a tutto.”

Al termine della corsa rimane l’apprezzamento per questa sua prima esperienza nelle gare di durata “ Mi sono trovato bene dentro la macchina, ho fatto come da programma un doppio stint di guida senza cambiare gli pneumatici. La gestione del traffico è stata una esperienza interessante, soprattutto nei confronti delle vetture più lente come le GT. In alcuni punti la differenza di velocità crea manovre più impegnative del normale.”

Photo 6-12-24 / Stefano Iori

MOTUL partner di A.C.O.

md_143147

Dal 1954  MOTUL, specialista francese in lubrificanti ad altre prestazioni è partner di A.C.O. , quale luogo migliore del circuito della 24 Ore per celebrare il lancio di Century, primo olio multigrado commercializzato in Europa. Da allora i rapporti fra le due società sono stati sempre molto stretti.

Oggi , 61 anni dopo , questo legame ha aggiunto nuova linfa . La partnership si è allargata e di questo accordo faranno parte la 24 ore Moto ed Auto , la 24 Ore Classic e il Gran Premio di Francia categoria MotoGP.

Pierre Fillon Presidente di ACO e Hervé Amelot Presidente del Consiglio  di MOTUL, ne hanno dato annuncio recentemente, prima della 24 Ore di Moto 2015. La compagnia di lubrificanti godrà a margine dell’accordo anche di altre forme di visibilità a cominciare dalla tribuna che porta il nome della compagnia, tribuna piazzata al Virage du Raccordement , così come il supporto alla Grande Parata dei Piloti che sfila nelle vie del centro città al venerdì pomeriggio. Ultimo ma non meno importante, per il quarto anno consecutivo le Grid Girls contribuiscono alla fama ed al glamour dell’evento  supportate  da MOTUL.

Tuttavia l’orgoglio principale rimane legato alle priorità tecniche dell’accordo,  più di 210 automobili fin dall’inizio della storia della classica francese hanno utilizzato i lubrificanti o i prodotti adesivi di MOTUL.

Lo sforzo è indirizzato maggiormente verso al scuola di pilotaggio kart del circuito Alain Prost ed in genere ad ogni attività di insegnamento presente sul circuito, in questo caso l’uso privilegiato è quello dei prodotti della gamma  Motorsport Line riservato alle automobili piuttosto che la gamma Factory Line, riservata ai motocicli. Entrambe queste linee di prodotto includono il tipo 300V, famoso per essere quello utilizzato dalle squadre durante la famosa 24 Ore di Le Mans, fino dal suo lancio sul mercato avvenuto nel 1971.

Nell’ambito del Festival dell’ ACO, che si tiene ogni anno nei primi giorni di luglio, dal 3 al 5 luglio nel 2015, verranno messi a disposizione del pubblico i nuovi simulatori tipo  COA.

La ragione del lungo legame che unisce queste due iniziative francesi è da ricercare nella comune passione per le gare  endurance, dove la corsa diviene campo ideale per lo sviluppo dei prodotti lubrificanti, soprattutto per l’uso privato degli automobilisti di domani.

Rassegna libri . capitolo 1

libro uno

Fra tutti i titoli che avremmo potuto usare per iniziare questa rassegna sui libri che trattano l’argomento endurance, questo “ Triumph and tragedy , the 1955 World Sports Car season “mi sembra quello più appropriato.  La scelta banale è dovuta per la cadenza del sessantesimo anniversario della stagione 1955, una fra le più combattute di quegli anni così pericolosi.

Tutte le marche che ancora oggi riconosciamo come le più rappresentative nel mondo sportivo a quattro ruote erano in pista, affiancate da una miriade di iniziative cosiddette minori che hanno saputo comunque conquistarsi un posto nella storia dell’automobilismo da competizione. Le vetture principali ottengono uno spazio separato con le caratteristiche tecniche.

A firma  Yves Kaltenbach, un rispettato ricercatore e storico di lungo corso nel mondo del motor racing, analizza non solamente gli avvenimenti più importanti ma anche le piccole corse, che descrive con dovizia di particolari.

L’apparato iconografico è importante ed in parte inedito, include alcune pagine a colori. Completano l’opera una trentina di pagine con le tabelle dei risultati di gara.